Appuntamento al Parco

Non volevo perdere l’ultima fatica della mitica Diane Keaton dal momento che sono appassionata di questa attrice, passata indenne dagli anni settanta ad oggi (quasi immutata, forse un po’ troppo rigida per certi contesti, come vi dirò), e dunque ho visto Appuntamento al Parco soprattutto perché attratta dalla presenza dell’attrice (una che può annoverare tra i suoi ex Woody Allen, Warren Beatty e Al Pacino non può considerarsi “normale”). Posso dirvi che il film, leggero e capace per trama e ambientazione di farvi passare due orette spensierate, è davvero poco credibile proprio per la presenza di Diane. 

La storia è ambientata in un sobborgo settentrionale di Londra, case di mattoni ottocentesche, un grande parco, botteghe deliziose, appartamenti di lusso, signore per bene impegnate solo in petizioni per garantire una pacifica e civile vita di quartiere. Tra queste c’è la protagonista, da poco rimasta vedova: pur vivendo in un condominio per soli ricchi, ha sempre più pressanti difficoltà finanziarie, non aiutate dal fatto di essere una “moglie di professione” (lo dico in senso deteriore, una di quelle fortunate donne che possono permettersi di non lavorare o lavorare poco tutta la vita, garantite da un marito “sicuro” come una buona polizza!) abituata a non fare assolutamente nulla di concreto se non volontariato e distribuzione di volantini e colazioni con le amiche.

Insomma, Emily (questo il suo nome) è del tutto fuori contesto nell’inaspettato rapporto (di amore, amicizia affettuosa, semplice attrazione fisica per il buon selvaggio?) che insatura con Gleeson, un irlandese burbero che vive nel parco del quartiere in una (romantica) baracca cibandosi di ciò che la natura gli offre. Il racconto poi, un po’ banalmente, descrive la battaglia per salvare la baracca dalle mire espansionistiche dei soliti immobiliaristi incravattati: lei e lui schierati insieme contro i cattivi edificatori, contro le odiose ormai ex amiche di Emily (sconvolte per le sue scelte controcorrente in fatto di uomini: come si può preferire un barbone ad un rassicurante commercialista?), contro l’invadente figlio di Emily, contro la società borghese che, tutta, trama in direzione opposta alla loro liaison. Bene.

Il punto è che lo spettatore, anche il più benevolo, non può non sentire una nota stonata in una signora di (oltre) mezza età vestita all’inglese (rigoroso: camicette bianche chiuse fino all’ultimo bottone, giacche blu maschili, cappottoni ampi, cappellini anti pioggia) che saltella non molto atleticamente tra gli alberi accanto a un uomo che ha scelto di stare fuori dalla società, ostinatamente (barba lunga, vestiti a strati, scarpe vecchie), che mangia pesce pescato con la lenza in uno stagno e che si scalda con un vecchio forno adibito a stufa. Insomma, Diane ce l’hanno voluta mettere a forza, secondo me: perché una donna più “morbida” e almeno all’apparenza anticonformista sarebbe stata infinitamente più nel personaggio. Già. Perché lei, in quel personaggio, non ci entra mai: semplicemente si limita a “fare se stessa”. Voi mi direte: chi non avrebbe questa presunzione dopo i suoi gloriosi trascorsi? È per questo che in fondo l’ho perdonata.

6 pensieri riguardo “Appuntamento al Parco”

    1. Da notare che lei è assolutamente identica anche nel look sebbene il personaggio dovrebbe essere del tutto diverso! Cioè lei fa sempre se stessa. Ma in Natale all’improvviso era molto più credibile che nella parte di una donna della media borghesia londinese che si innamora di un “alternativo”.

      "Mi piace"

      1. Se ti va, poi fammi sapere come l’hai trovato. Se invece non dovessi più sentirti, per me avertelo fatto scoprire è già una grande soddisfazione. Grazie a te per la risposta, e buona serata! 🙂

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...