Euforia

Nella sua seconda prova da regista la Golino dimostra un grande talento, oltre ogni più rosea aspettativa, secondo me. Ho trovato Euforia semplicemente perfetto, sotto ogni profilo. E sono contenta dell’evoluzione di questa attrice, che non si è fermata da una parte del ciak, dimostra di saper “utilizzare” al meglio gli attori, riesce a raccontare una storia di vita articolata e complessa, ma insieme fatta di eventi semplici, che avrebbe potuto essere banale e addirittura lamentosa.

Invece, anche grazie alla straordinaria coppia Mastandrea-Scamarcio, il racconto avvinghia gli spettatori, in un’altalena di riso e pianto, di disperazione e, appunto, euforia. In meno di due ore si entra a fondo nel rapporto dei due fratelli, nelle loro debolezze e nelle loro doti straordinarie.

Si capisce perché Ettore e Matteo, nonostante l’oscura paura che segue la scoperta della malattia (uno dei temi centrali del film), quando escono dall’ospedale, guardano il cielo e gli stormi e litigano e si sentono ancor più attaccati ad ogni minuto che la vita snocciola davanti a loro. La storia però non si limita a rappresentare una famiglia colpita dalla maledetta “malattia del secolo”: parla anche dei due fratelli, del loro essere cresciuti allontanandosi, come spesso accade, per essere del tutto antitetici: uno è talentuoso, brillante, esagerato in tutto; l’altro è riflessivo, moderato, affidabile.

Ma come chi ha superato i 40 sa bene, la vita insegna che le cose non sono mai nere o bianche, che le persone possono cambiare, idea, stile di vita, passioni. Che spesso queste salvifiche inversioni di rotta sono legate ad eventi dolorosi o a prove difficili. Tutto è raccontato con profondità ed eleganza, anche estetica. Alcune riprese, notatelo, sembrano penetrare l’essenza degli attori, decodificare i loro pensieri.

Delle protagoniste femminili, ho apprezzato molto Jasmine Trinca, in una parte difficilissima: dovere rimanere in equilibrio tra la finzione del sentimento d’amore e la sincerità di un istinto affettuoso e protettivo.

Il film è anche un omaggio alla bellezza di Roma, inquadrata con l’occhio di chi la conosce nei suoi aspetti migliori. Soprattutto dall’alto. Con lo stesso sguardo puntato in su che hanno i due fratelli, quando si accorgono che hanno trovato la forza di guardare il cielo nonostante tutto e di stupirsi, ad esempio, per la bellezza delle evoluzioni degli stormi al tramonto.

Do 5 ciak 🎬 🎬🎬🎬🎬 a Euforia e vi raccomando di non perderlo assolutamente.

2 pensieri riguardo “Euforia”

  1. Anch’io do 5 ciak se sono il massimo altrimenti anche 10… Film bellissimo, ben fatto interpretato da dio….. una storia “pesante” ma di tutti i giorni…. Brava Valeria e chi non l’avesse visto si precipiti…….. Ne vale la pena

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...