Archivi tag: Claudia Gerini

A mano disarmata

Claudia Gerini accetta la sfida di interpretare un’eroina dei nostri giorni, tuttora vivente (nonostante gli enormi rischi che si è assunta e che tutt’oggi pesano sull’incolumità sua e dei suoi familiari), in un racconto di cronaca vera e vissuta: dimostrando di essere una brava attrice drammatica e di avere una rara versatilità nel passare da ruoli brillanti a parti come questa, dove da ridere c’è davvero pochissimo (guardate qui, gli ultimi film recensiti, che l’hanno vista protagonista).

Parlo subito di lei, plaudendo al suo valore e al pathos che è stata capace di trasmettere agli spettatori, perché ho considerato veramente difficile calarsi con naturalezza nel ruolo di Federica Angeli, la giornalista de La Repubblica divenuta famosa in questi anni per le sue inchieste sulla mafia di Ostia, sul litorale romano. Addirittura, la stessa Federica si è stupita di vedersi rappresentata con tanta naturalezza e fedeltà: ho letto in un’intervista che i suoi stessi figli hanno confessato di avere dimenticato, nel vedere il film, che a interpretare la madre fosse un’altra persona e non lei stessa (una sensazione simile a quella di cui vi ho parlato ne Il Traditore, pochi giorni fa).

Continua a leggere A mano disarmata

Suburra 1, la serie

In corrispondenza dell’uscita su Netflix della seconda stagione di Suburra (disponibile dal 22 febbraio), facciamo il punto sulla prima, che spero abbiate visto; altrimenti vi consiglio di recuperare il tempo perduto approfittando del fatto che dal 15 febbraio è visibile in chiaro su Rai 2, ogni venerdì alle 21.10.

Io sono davvero appassionata delle atmosfere di questo film “a puntate”, così fortemente legate alla Capitale: tanto da preferirle, insieme ai suoi personaggi, a quelle, ancor più ruvide, di Suburra, il lungometraggio diretto da Sollima, tratto dal romanzo di De Cataldo (qui potete leggere la mia recensione).

Continua a leggere Suburra 1, la serie

A casa tutti bene

Eravamo tutti pronti ad una importante prova di cinema (italiano) guardando il trailer del nuovo film di Muccino, uscito non a caso nel giorno degli innamorati. Perché c’erano, non tutti, ma moltissimi attori importanti, di quelli che fanno la differenza e che attirano il pubblico con il loro solo nome.

Attori che oramai sembra quasi di conoscere confidenzialmente, a chi frequenta le sale ed i teatri (dove spesso per fortuna si incontrano). Attori che sono amici tra loro (e si vede!) e per i quali recitare è solo un modo per essere se stessi, per di più insieme. Questo il primo ed essenziale ingrediente del film: una comunità coesa di persone, di diverse generazioni (anche se, per la maggior parte, nei ruoli fondamentali, degli anni 60 e 70), chiamate a rappresentare, sotto la lente di ingrandimento del regista, il sentimento più nominato del mondo, l’amore, e il “contratto” più discusso è inevitabile del mondo, il matrimonio.

Continua a leggere A casa tutti bene

Nove lune e mezza

Da non perdere assolutamente l’esordio di Michela Andreozzi come regista. Nel film 9 lune e mezza, divertente ma pieno di spunti ed argomenti seri, trattati con ironia ed anticonformismo, lei è anche tra i principali interpreti. La sua è la parte della sorella “sfortunata” perché, ormai giunta ad una certa età di mezzo, non riesce in nessun modo ad avere figli. 

Una condizione comune, che spesso (guardiamoci intorno o dentro casa) manda in crisi le coppie, spegne l’amore, annichilisce la passione. Sorella di Claudia Gerini, che al contrario di figli non ha alcuna intenzione di farne. È ben felice della sua vita senza pensieri, da dividere solo in due (con un compagno istruttore di yoga, vegano, astemio: un inappuntabile Giorgio Pasotti). Tra chi li vuole e non riesce ad averne e chi non li vuole e teme come il fuoco le conseguenze fisiche (smagliature e dintorni) della gravidanza, vince il ginecologo (e chi sennò?): un bravissimo Stefano Fresi, che con un semplice “stratagemma”, vietato in Italia (esattamente come l’adozione di minori da parte di una coppia omosessuale: quella fatta da lui e dal suo compagno di vita, ma in Canada), cerca di risolvere in nove mesi l’annoso problema della vigilessa sterile (la Andreozzi, appunto).

Continua a leggere Nove lune e mezza