Archivi tag: donne

50 primavere

Capisco che possa essere difficile trovarlo, perché questo film non ha avuto una grande distribuzione. Consiglio comunque, e non solo alle donne che abbiano raggiunto il mezzo secolo, di trovare il modo di vederlo. È arguto, ironico e delicato (mantenendo vivo un romanticismo quasi fanciullesco) ed affronta un tema così reale e pesante, per il mondo femminile, da venire accuratamente evitato, per di più come oggetto di riflessione nel grande schermo.

La storia è incentrata sulla protagonista, Aurore, una cinquantenne separata con due figlie, la più grande in procinto di diventare mamma, la seconda poco più che adolescente. L’età nel racconto è importante, perché ad essa sono legati i primi sintomi della (tanto temuta) menopausa (le leggendarie caldane); il rifiuto non espresso di diventare nonna; il timore di trovarsi al traguardo con la scritta GAME OVER accesa; la consapevolezza della difficoltà di tornare a vivere una storia di amore vera e la volontà di non accontentarsi delle storie “passatempo”.

Continua a leggere 50 primavere

Amori che non sanno stare al mondo

Il film è tratto dall’omonimo romanzo della regista ed è soprattutto dedicato alle donne, quelle over 40 (guardate con attenzione la scena all’università, dove si spiega come si moltiplicano, in questa fascia di età, gli anni “reali”, a confronto con gli uomini!). È il loro punto di vista a guidare lo spettatore nel racconto degli amori del titolo: inadeguati alle aspettative, che tradiscono il desiderio di maternità, troppo tiepidi, distaccati, razionali, rispetto alle aspirazioni totalizzanti della protagonista, in particolare.

coverlg_homeÈ interpretata da Lucia Mascino ed io l’ho trovata molto brava in questo ruolo, eccessivo, a volte quasi persecutorio, nei confronti del destinatario dell’innamoramento. Lui (Thomas Trabacchi) è un collega di lavoro, un fascinoso e compassato professore universitario. Sono entrambi dei letterati, persone colte ed evolute. Ma hanno difficoltà a “stare al mondo”. A trovare l’equilibrio nei rapporti, a focalizzare nelle relazioni ciò che si vuole, a sentirsi veramente felici. L’autrice fotografa degli stereotipi, è vero. Ma è innegabile che siano diffusissimi.

Continua a leggere Amori che non sanno stare al mondo

Libere Disobbedienti Innamorate

Vi raccomando di vederlo, cercate di farlo, perché non è un film qualunque. Soprattutto voi ragazze, ma anche per gli uomini sarà un’ora e mezza più utile di un talk televisivo con esperti che parlano del medio oriente, della condizione femminile, delle religioni che si devono integrare, Israele, Palestina, musulmani e via così.

Il titolo in inglese vi dice moltissimo: In between. Nel mezzo. Le protagoniste, Salma Noor e Leila, vivono in un territorio di incroci, Tel Aviv. Sono arabe, palestinesi. Abitano insieme in un appartamento nel centro di una metropoli fortemente occidentalizzata. Una, Salma, proviene da una famiglia tradizionale di religione cristiana. L’altra, Noor, proviene da una famiglia tradizionale di religione islamica. Leila no, è senza fili, le sue origini non si vedono, si sa solo che era di Nazareth (come Gesù): si sa di lei che è una avvocatessa, libera ed evoluta, senza limiti; li detesta e li scansa.

Salma e Leila hanno già scelto una vita senza condizionamenti, anche a costo di tagliare i vincoli parentali. Continua a leggere Libere Disobbedienti Innamorate