Archivi tag: Félix Moati

7 uomini a mollo

Francia, periferia urbana. Qui si svolgono le esistenze un po’ sdrucite dei protagonisti, uomini non belli, non di successo, non ricchi. Sconfitti e marginali, alle prese con le miserie di un quotidiano dove non riescono a trovare la felicità e la soddisfazione di sé a cui ognuno avrebbe diritto. Il protagonista, Bertrand, assomma una serie di negatività che lo rendono ultimo tra gli ultimi: ha quarant’anni e soffre di una grave depressione; per questo ha perso il lavoro ed insieme la stima ed il rispetto dei suoi figli.

Gli rimane una pietà affettuosa elargita dalla moglie, che però, evidentemente, non crede più in lui e nelle sue possibilità di riscatto. Il punto di incrocio di queste grigie esistenze è la piscina del paese, dove i sette si iscrivono ad un neoistituito corso di nuoto sincronizzato maschile. Nessuno di loro è in forma fisica, né dotato di grazia e muscolatura adatte a uno sport così difficile; eppure decidono di provarci, ciascuno con una propria motivazione di ricerca di riscatto, di una sfida da tentare di vincere.

Continua a leggere 7 uomini a mollo

Due sotto il Burqa

Dopo il cinepanettone di ordinanza (ho scelto però il campione di incassi, il film di Brizzi, che addirittura ha superato Star Wars nel week end di Natale!) mi dedico (per contrasto ed antidoto) ad una raffinata produzione francese che vi raccomando di non perdere, se avete voglia di una riflessione intelligente ed ironica sul radicalismo religioso che purtroppo infesta la nostra attualità.

La regista è iraniana ma vive a Parigi sin da ragazzina: ne ha assorbito quindi un sano senso di laicità ed uno sguardo (rispettosamente) critico nei confronti di chi (molti, e appartenenti a diverse confessioni religiose) crede di disporre della verità assoluta e di potere di conseguenza disporre delle vite degli altri (soprattutto di quelle delle donne…tanto per cambiare). I protagonisti, una coppia di universitari innamorati, sono pure originari dell’antica Persia, e coltivano l’ambizione di andare oltreoceano, a New York, per una borsa di studi all’ONU.

Continua a leggere Due sotto il Burqa