Archivi tag: Francesco Micciché

Loro chi?

Il film è del 2015 ma il regista, Francesco Miccichè, è lo stesso di Compromessi sposi pellicola ora nelle sale (recensita qui). Loro è il nome del gruppo musicale, pensato apposta per garantire quell’anonimato che serve a una banda di “onesti”‘professionisti della truffa. Quando li cercano, chiedono di loro; e anziché una risposta, la domanda del titolo. Lo scopo è dileguarsi, fare il colpo e sparire nel nulla.

Loro chi? Un film con un bel ritmo, Giallini bravissimo, si prende gioco di tutti, anche del pubblico a un certo punto, quando sembra che la storia abbia preso una piega “buona” dove addirittura trionfa l’amicizia, seppure fondata sull’idea di essere soci dell’imbroglio. Continua a leggere Loro chi?

Compromessi sposi

Posso dire senza timore di offendere nessuno che questa volta Abatantuono e Salemme mi hanno fregato. Non so se anche a voi fa questo effetto, ma se vedo un cartellone con la locandina di un film con le loro facce, mi riprometto di andarlo a vedere il giorno stesso dell’uscita nei cinema. Li adoro entrambi, vorrei averli come amici, mi stanno simpatici anche se stanno zitti.

Li considero due autorevoli esponenti della nostra migliore e più intelligente comicità, capaci anche di non esserlo, di parlare di cose serie, di divertire alla radio solo con la loro voce. E gli accenti: milanese e napoletano DOC; portatori autentici della mentalità e del cuore di queste (altre due) capitali italiane. Irresistibile la tentazione di vederli insieme sul grande schermo, a mescolare le loro ironie ed i rispettivi stili caratteristici. Insomma: come facevo a non cascarci? Con l’aggravante che apprezzo anche il regista Micchichè, da poco lodato in Ricchi di fantasia (qui potete rileggere il mio punto di vista).

Continua a leggere Compromessi sposi

Ricchi di fantasia

Dopo Il tuttofare (di Valerio Attanasio: se ve lo siete perso, recuperatelo assolutamente!) era chiaro che Sergio Castellitto avesse raggiunto una maturità di attore tale da essere di certo considerato uno dei nostri migliori, adatto a quei ruoli tipici e complessi (divertenti ed amari insieme) della buona commedia italiana.

Anche in questo caso dà ottima prova di sé, concentrando nel personaggio che interpreta (che si chiama proprio Sergio, e Sabrina quello della Ferilli: come se entrambi altri non facessero che se stessi) diversi eccessi umani, alti e bassi: un geometra “decaduto” a carpentiere per la cattiva sorte e la crisi, con una famiglia da mantenere, pesante ed esigente, una moglie perennemente nervosa e rivendicante (brava è credibile Paola Tiziana Cruciani), un amore clandestino (per Sabrina) consumato nel camioncino da lavoro, nella campagna romana con lo sfondo arcaico dell’acquedotto.

Continua a leggere Ricchi di fantasia