Archivi tag: Luca Marinelli

Principe libero

Premetto: stravedo per De Andrè, per la sua poesia, per il suo timbro vocale. Per questo sono entrata ieri nel cinema con qualche timore, mitigato però dalla convinzione che solo Luca Marinelli potesse restituire l’uomo e l’artista che tutti abbiamo in mente. Ebbene, ci è riuscito in modo commovente. La somiglianza anche mimetica è fortissima (quel naso, i capelli, una certa smorfia quando scandisce le parole, il modo in cui tiene l’eterna sigaretta) ma si è mantenuto con intelligenza lontano dall’imitazione. La sua interpretazione è il motivo principale per cui non potete perdervi la fiction-film di Rai1.

Ho visto l’anteprima proiettata negli ultimi due giorni nelle sale italiane, quasi tre ore e un quarto di fila, e vi dico che è molto meglio di quanto ci si sarebbe aspettato da un prodotto pensato per la prima serata di Rai1 (andrà in onda il 13 e 14 febbraio). C’è Genova sullo sfondo, e questo te lo aspetti, ma soprattutto c’è Faber. È un film imprescindibile per chi ama De André e la sua musica, perché permette di guardarlo più da vicino, più nel profondo.

Continua a leggere Principe libero

Una questione privata 

Non è impresa banale fare un film tratto da un capolavoro letterario. Si rischia molto, soprattutto perché il pubblico che lo andrà a vedere, in larga parte, avrà in mente le pagine del libro e sarà portato a confrontare. 

Inutile dire che spesso il paragone va a scapito del film: il risultato della necessità di tagliare ed adattare e del fatto che il lettore si crea un’immagine dei personaggi che può non corrispondere all’interpretazione degli attori scelti. “Una questione privata” è ispirato all’omonimo romanzo, bellissimo, di Beppe Fenoglio: una storia d’amore in tempo di guerra.

Continua a leggere Una questione privata 

Lo chiamavano Jeeg Robot

Già dal primo trailer che ho visto, di questo film ho pensato che non potevo perderlo. Invitandovi a fare la stessa cosa, magari recuperandolo in DVD, posso dirvi che ha superato le aspettative in termini di originalità di genere, nel panorama cinematografico non solo italiano; ma soprattutto per la complessità dei piani di comprensione del contesto, dei personaggi, dei significati della storia surreale ma insieme iperrealista raccontata da Gabriele Mainetti.

Ho letto diversi commenti entusiasti perché si tratterebbe del primo vero superhero movie italiano. Credo però che questa valutazione, pur obiettivamente ineccepibile, sia un po’ riduttiva e non tenga conto che Enzo Ceccotti è tutt’altro che un super eroe: piuttosto mi ha fatto pensare ad un super anti-eroe. Il paragone con quel genere cinematografico, dove i protagonisti sono sempre dei bamboccioni perfettamente muscolosi e “tagliati con l’accetta” quanto alle emozioni (bianco e nero, buono e cattivo, come quasi sempre nei film americani), non tiene affatto (e per fortuna).

Continua a leggere Lo chiamavano Jeeg Robot