Archivi tag: Penélope Cruz

Dolor Y Gloria

Su una rivista di cinema, con i volti del regista Almodovar e della sua musa Penelope, ho letto “la vita è dolor y gloria”. Ed è proprio questa la grandezza dell’ultima fatica di Pedro, così attesa dai cinefili e che certo non delude ma anzi supera le aspettative: perché si distacca da un certo cliché di situazioni e di personaggi cui eravamo abituati.

Il film è infatti in larga parte autobiografico, fatta salva qualche esperienza estrema del protagonista, che è solo fiction (l’assunzione di eroina, ad esempio; le grotte degli anni da bambino; alcuni dialoghi con la madre anziana). In una bella intervista, l’autore dice che stava da un po’ lavorando su una sceneggiatura, che però non riusciva a concludere con soddisfazione; e di averla abbandonata per questa, nella quale racconta fondamentalmente di se stesso, dei genitori, dell’infanzia, degli amori e delle esperienze del passato.

Continua a leggere Dolor Y Gloria

Tutti lo sanno

Il regista Farhadi (quello de Il cliente e di Una separazione) narra una storia noir tra le – apparentemente – rassicuranti mura familiari di una splendida casa di campagna nella regione di Madrid. Dai titoli di coda ho appreso che si tratta di Torrelaguna, a pochi chilometri dalla capitale.

Campi e vigneti, un contesto antico e caldo, dove la protagonista, Laura (interpretata da Penelope Cruz) ritorna, con i due figli, per il matrimonio di una delle due sorelle rimaste in Spagna, nel paese di origine: vive con il marito a Buenos Aires e sembra avere fatto tanta strada, essere una donna realizzata e sicura. Lentamente, attraverso un racconto all’apparenza fatuo e basato su inezie, tutte finalizzate al festeggiamento, si comprendono i legami tra i personaggi della famiglia, le tensioni, le intolleranze tenute sopite. Continua a leggere Tutti lo sanno

Assassinio sull’Orient Express

Il più famoso romanzo di Agatha Christie torna sui grandi schermi dopo quarantatré anni. Nel 1974 fu Sidney Lumet ad affrontare Assassinio sull’Orient Express, ora è Kenneth Branagh a riproporre la più celebre indagine dell’infallibile detective Hercùle Poirot. Vi dico subito: nel vedere il film del 2017 mi è venuto il desiderio di ripescare in dvd o in streaming la trasposizione degli anni ‘70.

Qui il regista Kenneth Branagh è anche il protagonista principale, e anima un Poirot rockstar, un ‘divo’ consapevole di esserlo, al quale dedica un corposo prologo del film, in un’avventura a sè stante, a Gerusalemme. Cuore del film non è il testo teatralissimo della Christie ma il detective belga, o meglio la sua versione “hipster” dei giorni nostri, considerati gli eccentrici baffi che di certo non avrebbe approvato la creatrice di Miss Marple. Continua a leggere Assassinio sull’Orient Express