Archivi tag: Vincenzo Salemme

Compromessi sposi

Posso dire senza timore di offendere nessuno che questa volta Abatantuono e Salemme mi hanno fregato. Non so se anche a voi fa questo effetto, ma se vedo un cartellone con la locandina di un film con le loro facce, mi riprometto di andarlo a vedere il giorno stesso dell’uscita nei cinema. Li adoro entrambi, vorrei averli come amici, mi stanno simpatici anche se stanno zitti.

Li considero due autorevoli esponenti della nostra migliore e più intelligente comicità, capaci anche di non esserlo, di parlare di cose serie, di divertire alla radio solo con la loro voce. E gli accenti: milanese e napoletano DOC; portatori autentici della mentalità e del cuore di queste (altre due) capitali italiane. Irresistibile la tentazione di vederli insieme sul grande schermo, a mescolare le loro ironie ed i rispettivi stili caratteristici. Insomma: come facevo a non cascarci? Con l’aggravante che apprezzo anche il regista Micchichè, da poco lodato in Ricchi di fantasia (qui potete rileggere il mio punto di vista).

Continua a leggere Compromessi sposi

Una festa esagerata

Confesso: mi piacciono le trasposizioni cinematografiche di commedie teatrali. Quando sono fatte bene, con attenzione, come in questo caso. Il risultato è un film godibile, ben recitato, divertente, che riporta sul grande schermo lo spirito della piece teatrale che Vincenzo Salemme ha recitato sui palcoscenici di tutta Italia. Forse, con “L’amico del cuore”, il miglior film dell’attore-regista napoletano.

48068Il cast è scelto con cura, i ruoli sono calibrati, su misura. Così non mancano dialoghi molto divertenti, che omaggiano la grande tradizione teatrale napoletana. A partire da quelli con il poco perspicace Secondino (interpretato da Massimiliano Gallo), il vice Portiere (ma con ambizioni) dello stabile dove vive Gennaro Parascandalo (Salemme) il geometra e piccolo imprenditore edile napoletano protagonista della vicenda.

Continua a leggere Una festa esagerata

Vengo anch’io

Se conoscete la comicità surreale e raffinata della coppia (anche nella vita, come ci ricordano nei titoli di coda) Nuzzo-Di Biase, non vi farete sfuggire il loro primo film che, lungi dal mettere insieme battute per un’ora e mezza, racconta una storia che certamente fa ridere (il che non guasta, di questi tempi), ma che è anche, in modo originale, capace di dare un messaggio positivo ed anticonformista.

I protagonisti sembrano essere arenati in situazioni di vita fallimentari, condannati da errori del passato oppure semplicemente da una cattiva sorte. Sono in tre: Corrado, Maria e Aldo. Il primo è un assistente sociale che ha perso il lavoro ed ha deciso di suicidarsi (lanciandosi da un ponte in Puglia) dato che nemmeno i cocktail di psicofarmaci riescono a dargli un po’ di pace interiore (e come potrebbero?). Per questo parte per il sud, dalla periferia milanese, con l’occasione accompagnando il giovane Aldo, affetto dalla sindrome di Asperger: un ragazzo un po’ isolato dal mondo, abbandonato dal padre in una casa famiglia; si illude, raggiunta la maggiore età, di potere ritrovare il genitore a Pescara, dove abita, come si vedrà per nulla nostalgico del figlio, nonostante la malattia e la assoluta assenza dalla sua infanzia e adolescenza.

Continua a leggere Vengo anch’io